Different But Equal – Definitive Photo gallery

Hello there! There is one last quest to face together. Here is a great gift for you: the greatest album with all the photos of the 2019 Campagna Erasmusplus experience. At the moment the album contains more than 750 photos. The quest is as follows:

1) If there are missing photos, please, share your contents adding them directly to the album (just log in with your google account) or sending them to us (contact us if you don’t know how to proceede);

2) Leave comments on all your favorite photos using the google photo function. Pictures with more comments will be published in new posts on instagram and on facebook;

3) Take, share and publish all the photos you want … remembering to use the official hastags #erasmuspluscampagna #differentbutequal

We want to thank all those who have already sent us their photos, in particular Максим, from Latvia, who shared so many magnificent shots. We miss you! Keep in touch! ❤️❤️❤️

Diversity in Campagna – Il video documentario prodotto dal workshop di videomaking

Il terzo lavoro presentato durante la giornata finale del progetto Erasmus+ è un video documentario realizzato dal gruppo guidato da Fabio Fussi. Intitolato “Diversity in Campagna”, il documentario rappresenta un’inchiesta su come è cambiata la vita a Campagna (SA) negli ultimi decenni sotto diversi aspetti. Molteplici i soggetti intervistati così come le testimonianze raccolte

Il lavoro ha visto protagonisti 14 giovani che si sono cimentati nel giornalismo e in tutta la fase di produzione del video, dalle riprese al montaggio finale.

We Hope – Performance finale di danza

La seconda performance finale del progetto Erasmus+ “Different but Equal” è stata diretta da Daniela Plasa e Vadim Moroz.

Quest’anno il team lettone ha avuto l’onore di poter dirigere 2 dei 4 workshops. Il workshop di danza è stato guidato contemporaneamente da una ballerina a e da un attore: ciò ha permesso ai partecipanti di ricevere istruzioni e consigli in entrambi i campi. Abbiamo imparato a riscaldarci gradualmente, a fare house e hip-hop, a provare acrobazie di base intervallate da sessioni di combattimento. Così, dopo 5 giorni di duro lavoro, la performance finale era pronta. È la storia di un gruppo di persone che si ritrova costretto, all’improvviso, in uno spazio chiuso. Il gruppo affronta la difficoltà di dover scegliere i propri leader e di dover fugare la confusione generata dal limite a cui è relegato. Alla fine l’amicizia trionfa e infrange la barriera che si è creata attorno a loro.

Daniela Plasa

Questo workshop è stato un’esperienza gratificante per tutti, sia leaders che partecipanti. Non è stato facile prepararsi al meglio in un periodo così limitato per poi mostrare il prodotto del nostro lavoro. Alla fine si è tutto concretizzato grazie alla passione e alla dedizione dei ragazzi e penso che abbia funzionato al 100%.

Vadim Moroz

La Macchina – Performance finale di teatro

La prime delle tre performance finali del progetto Erasmus+ “Different but Equal” non poteva che essere una messinscena teatrale. Diretta da Fanny Fait, leader del gruppo francese, e da Emiliano Piemonte di Teatro dei Dioscuri, vi presentiamo “La Macchina”: in un mondo in cui gli operai vengono sostituiti da macchine e automi, da una piccola scintilla divampa il fuoco della rivolta che vedrà gli stessi operai abbattere i meri esseri che li hanno soppiantati e i loro padroni.

Eboli: il sindaco saluta i ragazzi del progetto Erasmus

Prima di iniziare il vero e proprio giro turistico, i ragazzi del gruppo Erasmus e i loro leader sono stati accolti dal sindaco di Eboli, Massimo Cariello, all’interno dell’aula consiliare del Comune.

I saluti ufficiali hanno rappresentato l’occasione giusta per indicare ai ragazzi tutte le bellezze artistiche e naturali del territorio di Eboli, senza dimenticare il centro storico, vero gioiello della città.

Leggere di più

Baleines: il dono teatrale della Francia

Non potevano concludersi in modo migliore gli spettacoli del progetto “Different but Equal”. I ragazzi francesi dell’Association A Corps Dissidents di Grenoble, pur avendo recitato in un’altra lingua, sono riusciti a tenere alta l’attenzione degli spettatori con una storia magica e coinvolgente.

E’ la storia di una famiglia, stanca di aver visto troppe onde infrangersi sulle rive della spiaggia del loro villaggio, che prende il largo su una barca, verso le distese infinite dell’oceano. Partiti con il cuore carico di lacrime, ma con la speranza di trovare un luogo migliore in cui vivere felici e in pace, giungeranno, infine, sull’isola dei venti. Qui le nubi cariche di pioggia che rendono fosco il loro spirito vengono finalmente spazzate via dando vita ad un nuovo inizio.

Leggere di più

Needless: il dono teatrale della Lettonia

Il secondo dono teatrale è stato offerto dai ragazzi Lettoni di Theatre Studio Joricks. Cala il buio in sala e, come per magia, ci ritroviamo nella Lettonia del 1887, dove c’erano più poveri che ricchi e i bambini lavoravano per guadagnarsi un tozzo di pane. Questa era la cupa realtà delle città. Lo spettacolo narra la storia di una ragazza senza genitori né parenti. Non aveva nessuno al mondo e chi si prendeva cura di lei non l’amava né tanto meno la capiva: veniva trattata da tutti come se fosse una nullità. Quando scoppiò l’incendio, tutti incolparono lei. Morí e nessuno si curò del funerale. La sua morte non importava a nessuno: era semplicemente una persona in meno.

Leggere di più

Cultural Mosaic: Il dono teatrale della Spagna

Cultural Mosaic, Spain

Quando siamo spaventati dalla diversità, dall’estraneo, dall’alieno, abbiamo paura e cerchiamo di circondarci di persone simili a noi rifiutando chiunque possa essere differente. Ma ognuno può essere “normale” secondo gli standard del gruppo o può essere rifiutato se non soddisfa le aspettative degli altri. Come reagisce la società al contatto con persone differenti?
I ragazzi della Scuola Italiana di Madrid hanno portato in scena uno spettacolo che ha cercato di rispondere a questa domanda. Non è stato semplice mettere insieme tutte le tessere del mosaico: il gruppo ha iniziato a lavorare sodo sin da febbraio per pensare, scrivere ed elaborare un testo che centra in pieno sia la tematica del progetto “Different but Equal” che quella della XV edizione del Gerione.

Leggere di più
Translate »
Erasmus+ Campagna